Blecca.Scippa Recordz
RealAudio


L-ittle S-tar B-eats (3.40 min)
prodotta da LSB per Soul Cafe' Prod.
Real Audio (450Kb) o MP3 (1,67Mb)?

La presentazione
Scopri il contenuto e le note tecniche del CD.
Torna indietro

Segna la tua mail per ricevere ogni settimana la nostra e-zine.

LSB Logo

Entrando nella Zona...
Ciao a tutti!
Sono Lukas Benedetti (aka LSB, il doganiere), nato a Merano il 20 maggio del lontano 1977. Musicalmente sono cresciuto negli anni ’80 (mitici) grazie alle mie sorelle, più vecchie di me, che mi facevano ascoltare di tutto.

Nel 1987 comprai la mia prima cassetta, era "LLCOOLJ – BAD", che segnò l’inizio del mio viaggio personale in quello che per me era il mondo della musica.

Nel primo periodo, dal ’87 al ‘89-’90, ero alla ricerca delle sonorità cosiddette BLACK, tra cui il RAP, il FUNKY, il SOUL, il JAZZ e soprattutto la musica da discoteca degli anni ’70 (Gloria Gaynor, Bee Gees, Diana Ross, K.C. etc.). Iniziai così ad ascoltare le evoluzioni naturali di questa musica, la DOWN BEAT (che oggi definiremo come una specie di R&B), la HOUSE , il GARAGE e la DEEP (che allora era la musica UNDERGROUND per eccellenza). Quindi mi legai all’ambiente delle discoteche, perché era lì che si suonavano quei pezzi, e decisi di diventare DJ.

Dal ’90 al ’94 il problema maggiore era che non riuscivo a trovare i dischi da suonare; il vinile stava diventando una rarità e i pochi negozi a Merano lo rimpiazzavano con questo misterioso supporto chiamato Compact Disc (MAH!!!). Allora avevo 13 anni e non avevo possibilità di muovermi per cercare i dischi, ma avevo un AMIGA e ho fatto un incontro davvero speciale per me "PYRATRONIK". Era un ragazzo che mi insegnò ad usare il mio computer come un’orchestra, con cui feci i miei primi pezzi (HOUSE) con risultati però poco soddisfacenti. Nel ’92 mi comprai l’AKAI S950, ma io, che ero già un po’ più grande cominciai a procurarmi i dischi a Vicenza e a Verona. L’attività da DJ era sempre più importante ed io iniziai a suonare alle feste dei miei amici.

Nel ’94 c’è un punto di svolta, di cambiamento musicale che si chiamava Londra dove mi avvicinai all’ACID JAZZ, conobbi la JUNGLE e il TRIP HOP. Essendo Merano vicina al confine con l’Austria, e quindi anche con la cultura "teutonica", mi avvicinai per 2 anni alla musica ELETTRONICA che poi venne volgarmente definita PROGRESSIVE e violentata strutturalmente da persone che non sapevano minimamente di cosa era permeata la cultura ELETTRONICA EUROPEA. Sconsolato tornai a suonare HOUSE, che 2 anni dopo subì lo stesso trattamento di favore che ricevette la c.d. "progressive".

In tutti questi anni ho sempre avuto posto per gli altri "generi" musicali che ho incontrato durante tutto questo viaggio musicale, cercando di tenermeli puri e di aggiornarmi accanto al "genere" che nei vari periodi prediligevo.

Estate 1997. Era l’ultimo anno da DJ; la HOUSE non mi trasmetteva più le emozioni che mi trasmetteva una volta, era cambiata. Ero cambiato anch’io, ero maturato ed ero diventato schizzinoso per quanto riguarda la musica. Ero a casa di un mio amico e nacque il progetto MPOSSE, formato da LSB, dall’ingegnere CG e da LP; rimasi da solo neanche dopo un mese, ma il progetto lo portai avanti lo stesso. Continuai a scrivere testi ma soprattutto a produrre basi, e mi accorsi che mettevo sempre tutto il mio bagaglio culturale - musicale che in questi anni ho accumulato nei miei pezzi. Sono finalmente arrivato alla "Zona di Confine" dove le mie esperienze musicali hanno trovato una base solida che si chiama: HIP HOP!

Inverno 1997 – 1998. Incontro la mia "famiglia" nelle vesti di Matteo Penzo sotto l’egida della pecora nera (BLACKSHEEP). Loro credono in me e mi spingono a concretizzare ciò che fino ad ora ho fatto per piacere personale.

Estate 1998. Incontro un diavolo con la voce "D’ANGELO" di nome KLEM. Lei ha dato la voce ai pezzi, che per me potevano rimanere anche strumentali, in modo divino. Anche lei ha creduto in me!

OGGI Nonostante i mille problemi, l’università, la gente che mi mette i bastoni tra le ruote e la mancanza di soldi si sta realizzando il mio progetto: LSB "Entrando nella Zona di Confine".

Vorrei concludere citando EZRA POUND: "QUELLO CHE CONTA NON È TANTO L’IDEA, MA LA CAPACITÀ DI CREDERCI FINO IN FONDO."

Benvenuti nella Zona
LSB